Stacca la spina con Bagolandia

Trionfo delle coppie triestine alla "Lui&Lei"
Oltre 100 metri in due per i talentuosi giavellottisti di casa Clean

(24/10/2007) Secondo consuetudine la manifestazione “Lui & Lei” di Gorizia ha concluso la stagione agonistica regionale con gare per le categorie ragazzi, cadetti ed assolute.
Come si evince dal nome dell’evento si tratta di una competizione particolare dove non si affrontano i singoli atleti ma vale il punteggio di coppia, ognuna formata da un atleta maschio e rispettiva compagna che possono appartenere anche a società diverse, ma con l’obbligo di non cimentarsi nella medesima specialità.
Mai come quest’anno il successo triestino è stato così lampante con le coppie giuliane vincitrici in tutte le tre categorie.
Nella maggiore ha avuto la meglio la coppia di lanciatori juniores Marco Clean del Marathon e Giulia Bartolich del CUS Trieste, atleta quest’ultima che ha colto l’occasione per festeggiare il suo complenno come ogni buon sportivo desidera: dalla piazza più alta del podio. Il successo della coppia è stato frutto di un buon lancio del disco della Bartolich a 36,24 metri al quale si è sommato il tiro del giavellotto di Clean volato alla ragguardevole misura di 61,89 metri. Vale la pena ricordare che Marco Clean è al primo anno di attività nella specialità e si è subito presentato con diversi lanci oltre i 60 metri e con un record provinciale di categoria (m 63,62), anche se va detto che non era del tutto nuovo al gesto del lancio grazie ai suoi trascorsi nell’ambito del baseball.
Uguale estrazione per la sorella Martina passata all’atletica per i colori della Trieste Trasporti e vincitrice tra le coppie dei cadetti, pur essendo più giovane è già una veterana delle piste ed ha raggiunto la terza vittoria consecutiva nella “Lui & Lei”, la giovane lanciatrice è tuttora detentrice del primato nazionale di tiro del vortex ragazze (m 63,40) mentre tra le cadette vanta il miglior lancio nazionale della stagione (m 44,71) e per un soffio ha mancato titolo tricolore. Pur con una rincorsa ridotta Martina Clean è riuscita a superare di 156 cm la soglia dei 40 metri, la stessa misura una decina di giorni fa le avrebbe consentito di vincere agevolmente il campionato italiano, comunque l’atleta è al primo anno di categoria ed avrà tutto il tempo di rifarsi l’anno prossimo.


(Marco Clean e Giulia Bartolich)

La Clean ha fatto coppia con Marco Parlante del Marathon, come lei argento nazionale grazie al secondo posto con la staffetta 4x100m che a Ravenna ha stabilito il record regionale della specialità (44”04), in virtù del cospicuo punteggio ottenuto dalla Clean gli è bastato giungere secondo negli 80 metri in 9”8 per garantire il successo di coppia.
Anche nella vittoria della categoria più giovane c’è stato il contributo di un lanciatore, grazie al vortex tirato a 53,25 metri da Amedeo Pellarini della Warstila che ha fatto coppia con Joyce Mattagliano, ragazza della Triveneto che ha vinto i 600 metri femminili con un ottimo 1’47”5.
Sulla terza piazza del podio sono saliti altri due triestini: Mesfin Noliani del Marathon, secondo nei 600m in 1’42”5, ed Alexia Pisani della Wartsila, prima nel lungo con un bel salto da 4,68 metri.
Tra i cadetti premiata anche la sua compagna di squadra Marina Pugliese, prima negli 80 piani in 10”4 ed al terzo posto di coppia con un “lui” friulano, il campione italiano dei 300m Augusto Bianchi.
Sabato pomeriggio a campo Cologna si chiude anche la stagione giovanile provinciale con gare per pulcini, esordienti, ragazzi e cadetti, con classifica di società in base ai piazzamenti dei rispettivi atleti.


(Lui&Lei cadetti: Martina Clean e Marco Parlante)

(Joyce Mattagliano e Amedeo Pellarini)


Atleticats... l'atletica triestina on-line

Redazione | Norme sulla privacy | Pubblicità